Monitoraggio in gravidanza

monitoraggio

Il Centro Medico Subiaco amplia la propria offerta con il servizio di Monitoraggio in gravidanza!

Il monitoraggio in gravidanza, chiamato anche cardiotocografia,  è un esame non invasivo e assolutamente  indolore.

A cosa serve il monitoraggio?

Lo strumento, applicato sulla pancia della gestante nelle ultime settimane di gravidanza, registra due importanti parametri  che consentono di valutare lo stato di benessere materno-fetale:

  • il parametro materno  che rileva la presenza di attività contrattile uterina
  • il parametro fetale che controlla il benessere del bambino tramite la registrazione del  battito cardiaco fetale.

Come si esegue il monitoraggio?  Avviene attraverso un monitor e due sonde applicate sull’addome della mamma e mantenuti in posizione con delle fasce elastiche.

Il ginecologo o l’ostetrica posizionano le sonde in posizioni specifiche. La prima in corrispondenza del dorso fetale che corrisponde al cuore.  In concreto, si esegue un piccolo elettrocardiogramma del bambino:  il trasduttore traccia l’andamento dell’attività cardiaca fetale e ne registra le accelerazioni, le decelerazioni e la frequenza cardiaca, che in un bambino normale è più o meno fra i 120/160 battiti al minuto, quindi veloce il doppio rispetto a quella di un essere umano adulto. I bimbi sono molto più veloci. Durante il monitoraggio, il rumore che si sente in sottofondo è il battito del cuore del bambino.

La seconda sonda viene posizionata proprio sul fondo dell’utero e registra su un grafico le contrazioni uterine.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Open chat
Ciao, hai bisogno di aiuto o vuoi prenotare una visita?
Powered by